Spedizione gratuita per acquisti superiori a 79 €

Comunicazioni istituzionali

“La digitalizzazione per gli Outdoor Store” con il Gruppo Nuovi Orizzonti by The Pill Magazine

Analogico o digitale? Toccare con mano, provare o ordinarlo e riceverlo direttamente a casa? Chiusi per la quarantena o continuare a vendere grazie allo store online? Dall’inizio delle nuove restrizioni e della nuova quarantena sono molte le domande che consumatori e negozi stessi si pongono. Investire o non investire nell’online? Vale la pena comprare sull’online store? Perché non chiederlo direttamente alla Direzione Gruppo Nuovi Orizzonti che quest’anno ha deciso di muoversi sulle nuove piattaforme digitali ed innovare tutto il loro sistema!

By Camilla Pizzini


Buongiorno, raccontateci la storia del vostro gruppo, come è partito? Vi siete specializzati su determinati sport? Più alpinismo, trekking o tutto insieme?

Siamo partiti giovani e con un sogno nel cassetto che sembrava irrealizzabile…
Il primo store Nuovi Orizzonti è stato aperto a Carpi più di 30 anni fa da Riccardo che all’età di 23 anni decise di lasciare un posto sicuro da impiegato in banca, forte della passione per l’arrampicata. Un’impresa ambiziosa vista la collocazione geografica in pianura.
Da allora siamo diventati una catena di store outdoor con diversi punti vendita multimarca in Emilia-Romagna, aggiungendo due flagship store The North Face nei centri storici di Bologna e Bolzano.
Nei nostri multimarca trattiamo pressoché tutti gli sport di montagna.

Siete un gruppo di negozi fisici che però sta sviluppando una sezione online, come è iniziato questo percorso?

In seguito ad alcuni tentativi effettuati negli anni e non andati a buon fine, abbiamo deciso che era arrivato il momento di coinvolgere un professionista specializzato nel Digital Marketing. Essendo il nostro un settore di nicchia, solitamente prediligiamo collaborare con persone che hanno una forte passione per l’outdoor e che praticano abitualmente action sport.
Dopo una attenta ricerca siamo entrati in contatto con Jacopo Secchi che ci ha accompagnato in un percorso di trasformazione digitale da 0 a 360 gradi.
Questo importante processo, oltre a vedere la strutturazione di tutti i nostri strumenti di comunicazione e vendita digitali (eCommerce, Social Media, Email Marketing, Advertising Online, ecc.), ha apportato anche una notevole cultura digitale in azienda.
Jacopo si è occupato di coordinare i lavori prima e durante il periodo di lockdown assieme all’agenzia Kina di web design, un Avvocato Digitale e Luca, un nostro dipendente, per l’implementazione del nostro nuovo gestionale.
Siamo consapevoli che il lavoro da fare è ancora molto, ma stiamo già ottenendo risultati apprezzabili e abbiamo messo in piedi una squadra di professionisti e consulenti che ci segue con grande cura e attenzione.

Come avete vissuto questo pre-feste ed in seguito il periodo di lockdown? Secondo voi che direzione sta prendendo il mercato dell’outdoor in questo momento?

Lo scenario dell’anno che si è da poco concluso è sicuramente molto differente da quello degli anni precedenti… I molteplici lockdown non hanno favorito gli spostamenti fisici o l’affluenza presso gli store, ma grazie all’eCommerce siamo riusciti a soddisfare clienti di vecchia data e coinvolgerne di nuovi.
Ora, oltre che sul locale, lavoriamo anche su scala nazionale.
Nonostante la situazione, il mercato outdoor ha registrato un notevole aumento di interesse e adesioni e questo fa ben sperare per il futuro.
Le persone, in seguito alle forti restrizioni e limitazioni, hanno dovuto rivedere radicalmente le loro priorità e hanno sentito la necessità di riavvicinarsi alla natura e alle attività negli spazi aperti.

Le persone da voi usano abbigliamenti outdoor anche per uscire in città? Che tipi di clienti avete?

Abbiamo una clientela piuttosto varia, dal pro all’appassionato e anche la persona comune che è semplicemente affezionata a determinati brand di outwear.
I nostri store multimarca vendono per lo più attrezzatura tecnica, ma abbiamo un vasto assortimento di abbigliamento adatto all’utilizzo di tutti i giorni.
Il nostro flagship store The North Face in centro a Bologna ha un carattere decisamente urban, perfetto per la grande città.

Con gli impianti chiusi e i lock-down come sono andate e come vanno le vendite? In molti dicono che le ciaspole e altri prodotti vadano a ruba, è lo stesso per voi? Sentite che c’è effettivamente un forte interesse per l’outdoor in questo momento?

Alcuni segmenti come lo sci da discesa potremmo dire che hanno subito uno stand by, mentre attività come lo scialpinismo hanno invece registrato una forte crescita.
Difficile sbilanciarsi su giudizi, per il momento siamo comunque consapevoli che è in atto una importante evoluzione nelle vendite. Il fatto di esserci lanciati anche sul digitale pensiamo giocherà un ruolo fondamentale per la nostra attività.
In pochi giorni abbiamo esaurito tutte le ciaspole disponibili sia online che nei nostri store. Un evento che ha colto di sorpresa anche le aziende produttrici che non sono state in grado di tenere testa all’improvvisa e incalzante domanda.
Non sono molti i brand che trattano questo genere di articoli e il sold out è stato presto registrato in tutta Europa.
Come detto in precedenza, le persone hanno maturato l’esigenza di riprendere possesso della propria vita, rallentare i ritmi frenetici, dedicare più tempo a se stesse e ai propri cari oltre che prestare più attenzione al proprio benessere e alla propria salute, proiettandosi quindi in una dimensione più naturale.
Pensiamo che l’outdoor possa soddisfare molte di queste necessità.

Che brand distribuite? I vostri preferiti?

Forse sarebbe più semplice citare i brand che non trattiamo; scherzi a parte, operare da più di 30 anni nel settore ci ha permesso di lavorare con i principali brand outdoor con i quali intratteniamo rapporti stretti e frequenti.
Ad oggi tutti gli articoli presenti nei nostri store sono accuratamente testati e selezionati dal nostro staff.
Non vogliamo sbilanciarci in preferenze con conseguenti “scivoloni”, ma possiamo dire che per storicità e fiducia reciproca lavoriamo molto bene con Aku, Ferrino, Gore-Tex, Montura, Patagonia, The North Face.
Per citarne altri non possono mancare nell’elenco anche Climbing Technology, Hoka, K2, La Sportiva, Osprey, Petzl, Salomon, Scarpa.
I prodotti che sono andati davvero fortissimo negli ultimi mesi sono quelli della linea R1 Air di Patagonia: capi tecnici in pile a rapida asciugatura, leggeri e traspiranti, ideali per intense attività fisiche in condizioni climatiche fredde. In più i tessuti sono realizzati in 100% poliestere riciclato.

Quando fai un viaggio outdoor con cosa ti vesti? I tuoi prodotti preferiti?

Per questa domanda passiamo il testimone a Jacopo che oltre ad avere una forte passione per il Digital è particolarmente affezionato ai viaggi outdoor.
“Gli articoli che non possono mai mancare in uno dei miei viaggi, che sia sulle dune del deserto del Sahara o sui ghiacciai dell’Islanda, sono il Base Camp Duffel di TNF rigorosamente in summit gold, il P-6 Logo Trucker Hat di Patagonia, scarpe e scarponi in Gore-Tex de La Sportiva.
Per le condizioni più fredde aggiungo anche un Retro Pile Fleece Jacket e un paio di guanti touch fondamentali per la produzione di contenuti e la parte di digital storytelling on the road.
Potrei citare molti altri articoli o attrezzature, ma sicuramente i miei brand preferiti restano Patagonia (fin da quando ero piccolo) per la filosofia e impronta altamente sostenibile, The North Face per tecnicità e vivacità nei colori e La Sportiva per sicurezza e comfort di viaggio.”

Carrello 0

Ricevi subito 5€ di sconto sugli acquisti online

Siamo gli esperti dell'OUTDOOR

Scrivici su Whatsapp, ti sapremo consigliare il prodotto adatto